Larino, al cimitero niente raccolta differenziata

Niente, non c’è verso di far capire al Comune di Larino che la raccolta differenziata vale per tutti, vale per i cittadini, per le attività commerciali e vale anche per il Comune. Se andate al cimitero in questi giorni trovate di fronte ai cancelli dell’ingresso principale un muro di bidoni, resti di diverse amministrazione che si sono succedute, da quelli verdi ormai anche fuori produzione, a quelli più recenti per la raccolta differenziata, carta, plastica ecc. Il problema però è che in quei bidoni, ci trovate di tutto, come potete vedere dalle foto.

Certo è anche vero che magari molti cittadini, poco inclini alla raccolta differenziata dei rifiuti lasciano lì le loro buste, e questo andrebbe punito severamente, ma se il Comune per primo non differenzia, e mette a disposizione più di dieci bidoni dell’immondizia in un posto in cui non bisogna nemmeno scendere dalle auto, il gioco è fatto. Intanto si pone un problema di gestione della raccolta differenziata, il Comune è in grado di farla o la colpa è sempre dei cittadini incivili? Non solo, quando quei rifiuti saranno raccolti dai dipendenti della ditta esterna al Comune, che non è la Giuliani, ma un’altra ancora, che fine fanno? dove e come vengono smaltiti? E chi paga per questo ulteriore smaltimento indifferenziato? Aspettiamo risposte chiare dal responsabile del servizio, e soprattutto una sistemazione dignitosa per quel luogo, non è scritto da nessuna parte che uno va al cimitero e ad accoglierlo trova un muro di bidoni maleodoranti.