Larino, esce dal carcere e ruba due macchine pugliese torna dentro

Erano da poco passate le 14.40 di giovedì, quando il 21enne
ragazzo di nazionalità bulgara esce dal carcere di Larino, ove era stato
rinchiuso solo domenica 02 giugno, poiché sorpreso ed inseguito dai
Carabinieri della Sezione Radiomobile di Termoli dopo aver rubato lo
scooter di una ragazza in una piazza centrale della cittadina costiera.
Dovendo fare rientro nella vicina Puglia, anziché servirsi dei mezzi
pubblici, il giovane decide di impossessarsi dell’autovettura di una giovane
donna residente in quel centro e mettersi in strada per raggiungere la sua
dimora.


Giunto in Termoli, il giovane si accorge che la spia della benzina segna
rosso da ormai alcuni chilometri, motivo per il quale parcheggia il veicolo
davanti ad un’officina e stante il parco auto a disposizione, ruba la più
comoda, una piccolissima utilitaria di proprietà del titolare dell’attività
commerciale, che si accorge immediatamente di quel giovane che non è un
cliente e che era salito a bordo del suo veicolo.
Anche in questo caso, la tempestiva richiesta di aiuto ai Carabinieri è
stata fondamentale, poiché una gazzella della Sezione Radiomobile, ormai
avvezza a tali attività di prevenzione, ricevuta la nota di ricerca, si dirige a
forte velocità in direzione della Puglia e in agro di Campomarino
intercetta il veicolo in fuga, che alla vista dei lampeggianti, accelera
visibilmente l’andatura ed assume una condotta di guida spregiudicata.
Sorpassi azzardati, circolazione contromano ed un tamponamento ad
un veicolo condotto da una donna con a bordo l’anziana madre. Non senza
difficoltà l’equipaggio riesce a sorpassare il fuggitivo ed a bloccarlo dopo
circa dieci chilometri di inseguimento. Una volta bloccato, il ragazzo da un
accenno di fuga a piedi, ma prontamente fermato, viene condotto nella
Caserma di Via Brasile e dopo le formalità associato nuovamente alla

Casa Circondariale di Larino dalla quale era uscito qualche ora prima –
con l’obbligo di dimora nel suo comune – ove rimarrà a disposizione
dell’Autorità Giudiziaria cui risponderà nuovamente della rapina
impropria con una recidiva infrasettimanale.

Entrambi i veicoli, recuperati, venivano restituiti ai legittimi proprietari,
increduli, che hanno ringraziato la prontezza e l’efficacia dei Carabinieri.
Per le donne incorse nel sinistro stradale, per fortuna solo un grosso
spavento e nessuna lesione, certo è che la condotta di guida del giovane,
peraltro senza patente poiché mai conseguita, poteva causare conseguenze
più gravi agli altri utenti della strada, a quell’ora del pomeriggio molto
trafficata per i rientri dal lavoro.
Fondamentale, ancora una volta, la segnalazione che il cittadino ha
effettuato al 112 e che i Carabinieri della Compagnia di Termoli si
auspicano essere sempre più numerose.