Larino, crisi idrica cittadini allo stremo e l’amministrazione si limita agli “annunci che servono sempre”

Non c’è che dire, la prima vera emergenza che ha dovuto affrontare da sola questa amministrazione comunale è stata per lo più improvvisata, senza una logica, senza nessuna informazione reale alla cittadinanza, insomma se non è un fallimento poco ci manca. Con il terremoto dello scorso anno ha funzionato tutto perchè a Larino c’era la Protezione Civile h24 insieme a un presidio dei Vigili del Fuoco e gli amministratori seguivano solo i lavori, un po’ come i pensionati con i cantieri. Oggi ci ritroviamo con l’intera città senz’acqua e con i cittadini imbestialiti da tanta superficialità nella comunicazione.

Ma perchè è accaduto tutto questo? Innanzitutto l’amministrazione ha sottovalutato la portata del problema, al di là delle chiacchiere sul telecontrollo e menate varie, il problema è che se Molise Acque non avvisava il Comune che stava finendo l’acqua nei serbatoi altro che telecontrollo, e la prova di questo è una determina del servizio Lavori Pubblici e programmazione (sic!) del 14-06-2019 in cui si dice chiaramente che “dall’Ufficio periferico di Termoli di Molise Acque è pervenuta,  all’Ufficio Lavori Pubblici e Programmazione del Comune di Larino, la comunicazione di un abnorme prelievo di acqua potabile dal serbatoio di C.da Monte Arcano”. Quindi sono stati avvisati da Molise Acque non dal loro telecontrollo, ma non è tutto, a questo punto si è reso necessario un controllo ai livelli dei serbatoi e che hanno scoperto? “Considerato che, in seguito a verifica effettuata, si è  riscontrata una rottura della condotta così come descritto in precedenza”. Capito? Non la rottura di una pompa, ma la rottura di una condotta come anticipato ieri da molisequattropuntozero. Inoltre dal Comune ripetono che tempo qualche giorno e anche Larino avrà l’acqua del Matese, il problema però è che manca la linea che dalla strada del cimitero arriva fino al serbatoio, e se passate in questo momento vedrete i mezzi della ditta Martino che sta cercando disperatamente di recuperare i lavori e finire in tempi ragionevoli che sicuramente non sono quelli descritti dall’amministrazione comunale. Ma a cosa serve scrivere su facebook gli orari di apertura e chiusura dell’acqua se non racconti ai cittadini come stanno realmente le cose? Perchè sin dall’inizio non ci è stato detto che quello che stava succedendo? Forse perchè dal primo comune che doveva essere allacciato all’acqua del Matese siamo diventati l’ultimo? Ururi beve da ieri l’acqua del Matese solo per dirne uno. Perchè l’amministrazione non prende posizioni forti nei confronti di Molise Acque, se come dicono loro, è il primo responsabile di questa situazione?