Larino, crisi idrica il caos di Molise Acque e l’approssimazione del Comune

Nonostante l’ostentata calma degli amministratori di Larino, e del sindaco Puchetti soprattutto, a Larino la questione idrica è una vera e propria emergenza, e chi nasconde questo non fa un buon servizio alla comunità. Lo diciamo con il massimo rispetto per le Istituzioni coinvolte, ma bisogna dirlo.

Chi nasconde che a Larino soprattutto, la situazione sia sfuggita di mano agli amministratori, mente sapendo di mentire, come al solito però, noi di molisequattropuntozero.it ci atteniamo ai fatti, e i fatti, seppur confutabili, restano tali, andiamo con ordine. Fonti accreditate di Molise Acque ci riferiscono che il problema idrico non risiede nel livello della diga, attualmente la diga del Liscione ha acqua a sufficienza per il basso Molise, ovviamente se qualcuno vuole smentire noi siamo a disposizione, aver tenuto basso il livello della diga dal sisma dello scorso anno, comunque non ha fatto scendere il livello sotto la soglia minima, allora qual è il problema? Il problema è che hanno creato il caos con la sovrapposizione delle linee, quella del potabilizzatore e quella del Matese centrale, quello per intenderci che porterà in basso Molise l’acqua delle sorgenti del Matese, che ha determinato tantissime rotture su tutta la linea. A questo bisogna aggiungere una incapacità di fondo nell’amministrare questo processo e una sciatteria nella gestione del potabilizzatore, in buona sostanza, agli inizi di giugno sono state effettuate diverse manovre che hanno pregiudicato il normale approvvigionamento idrico in basso Molise, tranne che a Termoli e Campomarino, comuni che in questi giorni non hanno nessun tipo di problemi e non dobbiamo dirvi noi perchè. Continuando sempre con i fatti vediamo che Molise Acque solo in pochissime occasioni ha chiuso il flusso verso Larino, altre volte (anche per pararsi il culo) ha ridotto semplicemente la portata, avvisando il Sindaco di prendere provvedimenti, infatti, il tenore dei comunicati che pubblicano su facebook (chi non ce l’ha si arrangia) dicono questo, mentre il Comune decide di chiudere completamente, perchè? Secondo noi perchè non riescono a gestire al meglio i serbatoi e le riserve che bisogna fare sempre con i serbatoi, siamo al punto che non riescono a garantire l’acqua nemmeno per 12 ore al giorno, anzi addirittura è di stamattina la notizia che in contrada Acquara, ironia della sorte proprio, da quattro giorni sono senza una goccia d’acqua, quattro giorni. In contrada Monti l’acqua arriva per 2 o 3 ore al giorno e non tutti i giorni, in queste condizioni anche altre contrade, e nessuno a palazzo Ducale si pone il problema se a questi cittadini, bisogna mandare una cisterna almeno per i bisogni primari, nessuno a palazzo Ducale si pone il problema che magari le bestie di quelle stalle hanno bisogno o meno di acqua, cosa fanno a palazzo Ducale? Pubblicano le comunicazioni di Molise Acque, fanno i “passacarte” insomma, quelli mandano il fax e qualcuno di loro pubblica, sempre fuori tempo, su facebook quello che dice Molise Acque, sono o non sono fatti questi? Le soluzioni deve trovarle chi amministra, anche perchè non glielo ha ordinato il medico di fare gli amministratori, non tollerano le polemiche, fanno partire messaggi privati che richiamano all’ordine chi non la pensa come loro (possiamo dimostrarlo ovviamente) cercano di ostentare calma e gesso ma i cittadini ormai hanno capito che qualcosa in questo periodo non funziona, e non lo capiscono, o lo capiscono ma non sanno cosa fare.