Larino, bloccato in ascensore al Vietri 85enne cardiopatico liberato dopo due ore

Momenti di paura pochi giorni fa al Vietri di Larino, dove il malfunzionamento di un ascensore ha bloccato per oltre due ore un anziano di 85 anni, cardiopatico e con problemi respiratori.

Dopo essere stato visitato, l’anziano prende l‘ascensore per scendere al piano terra accompagnato da un parente (per fortuna). L‘ascensore si blocca e paziente e accompagnatore restano bloccati all’interno, la fortuna ha voluto che l’accompagnatore avesse con se un cellulare e che in quel momento c’era campo per poter chiamare i soccorsi. Soccorsi che sono arrivati dopo più di due ore da Termoli addirittura. La cosa assurda comunque è che, nonostante i due avessero attivato l’allarme dell’ascensore, schiacciando il bottone per i soccorsi, al Vietri nessuno ha sentito nulla. Ora questa storia la possiamo raccontare in questo modo, solo grande spavento per i due, soprattutto per l’anziano che ha dovuto aspettare in piedi che aprissero l’ascensore, ma tutto sommato vivi. Cosa sarebbe successo invece se l’anziano si trovava da solo in preda al panico? Chi ha la responsabilità della vigilanza degli ascensori del Vietri? Perchè nessuno ha sentito nulla?