Larino, contributi per la ricostruzione risponde l’assessore Alice Vitiello

In merito alla questione trattata da questo sito, su un contributo per la ricostruzione post sisma a favore dell’assessore Vitiello, la stessa ha lasciato un commento, che prendiamo come risposta, sulla nostra pagina facebook.

“Mi vedo costretta a risponderti, cosa che non avrei voluto fare non per sottrarmi al confronto ma oltre che per le ragioni a te ben note, perche’ non condivido il tuo modo di intendere e fare informazione, e anche perche’hai chiamato in causa altra persona, il Presidente del Consiglio, di cui ho profonda stima.
Perseveri ad alimentare la cultura del sospetto sulla mia persona relativamente ad atti pubblici che tutti i cittadini possono visionare. Preciso, al contrario di quanto affermi, che la sottoscritta non ha percepito neanche un euro per la ricostruzione post-sisma e tanto meno per il contributo per l’autonoma sistemazione (Cas), perche’mai nella mia vita ho approfittato di qualcosa, ne’mai lo farei senza averne diritto.
Si tratta di una questione complessa che semplifichi ed interpreti a tuo piacere, per la quale l’ufficio competente ha chiesto chiarimenti al Dipartimento della Protezione civile e di cui attende riscontro. Nel caso in cui la risposta dovesse essere negativa, e qualora ne dovessi condividere le motivazioni, provvedero’a mie spese a rimuovere l’inagibilita’ che grava sull’immobile a seguito del sisma.
Preciso inoltre che il contributo assentito omnicomprensivo, ma non utilizzato, e’ di 33.750 Euro di cui 8.750 riferiscono ad interventi su parti comuni con immobile adiacente di altra proprietà. Questa precisazione e’doverosa per chi ha semplificato e interpretato a suo piacimento.
Saluti
Alice Vitiello”

“Assentito” che ci diamo del tu, gentile assessore ci consentirai alcune precisazioni.

Innanzitutto, prendiamo atto della risposta anche se, come al solito, carica di livore nei confronti di chi, per fortuna, non la pensa come te, è la democrazia questa, non so se il concetto è di semplice comprensione, ma è cosi. Tu dici che ti sei vista costretta a rispondere, bene, non mi sembra che qualcuno di noi ti abbia puntato un’arma alla tempia per farti rispondere, anzi, dovrebbe essere il naturale confronto democratico a farti rispondere a un articolo che evidenzia dei dubbi su un atto, noi l’abbiamo letto non so se tu hai fatto lo stesso e in seguito lo capirai. Affermi che siccome abbiamo tirato in ballo il Presidente del consiglio comunale, persona stimata tantissimo anche da noi, e ci mancherebbe altro, hai dovuto rispondere, e meno male, abbiamo capito oggi che per farvi rispondere ci basta citare il professor Antonio Vesce!

Se a te non piace l’informazione che questo sito porta avanti, con numeri di tutto rispetto, non è un problema nostro, fatti un ufficio stampa o un portavoce e quello ti farà l’informazione che più ti aggrada, ciò che noi, per formazione e per pensiero politico, non faremo mai. Ma non dire, per favore, che chi scrive su questo sito alimenta la cultura del sospetto nei tuoi confronti, questo non lo accettiamo, noi abbiamo posto solo alcune domande affinchè riuscissimo a capire meglio ciò che in consiglio comunale ha chiesto l’opposizione. Sei tu, con questo atteggiamento, scocciato se vogliamo, ad alimentare la cultura del sospetto nei confronti di chi amministra, d’altronde se si assume una carica pubblica, poi bisogna accettare ciò che ne consegue, e che i cittadini, o la stampa, ti pongano delle domande è una di queste conseguenze.

Entro nel merito della questione, nell’articolo non abbiamo scritto, da nessuna parte, che tu hai “incassato” il finanziamento, abbiamo semplicemente usato un sinonimo del tuo “assentire” con “si attribuisce all’assessore un contributo di euro 33.745,34” ecco perchè probabilmente non hai letto il decreto sindacale che ti attribuisce (è scritto nel decreto e noi l’abbiamo riportato pari pari) un contributo di euro 33.745,34 e non 33.750 euro, se vuoi essere cavillosa noi lo siamo più di te, hai scritto cinque euro in più rispetto al decreto. Quindi questo è totalmente falso, noi non abbiamo scritto che hai già preso i soldi ma che ti è stato attribuito e quindi assentito, un contributo per la ristrutturazione della casa. Detto questo resta in piedi il quesito iniziale, e aspetteremo il parere della Protezione Civile per poter capire meglio la questione. Tutto qui, credo che a volte, rispondere in maniera compiuta a chi pone delle domande possa fare solo bene al confronto democratico, senza minacce o offese varie, caratteristica non imputabile a noi e a questo gruppo.

Cari saluti a te

E.D.