Larino, la Pia associazione dei Carrieri di San Pardo rinnova il direttivo

La Pia Associazione dei Carrieri di San Pardo rende noto che “nel corso dell’assemblea elettiva svoltasi domenica 3 Novembre i soci hanno 
provveduto al rinnovo del Consiglio Direttivo che resterà in carica per 
il periodo 2019-2022. È prevista la presentazione del Direttivo nel 
prossimo mese di Dicembre con un’assemblea straordinaria che vedrà il 
debutto del Presidente don Antonio Giannone e la presentazione delle 
nuove linee programmatiche dell’associazione.  A seguire, il 
tradizionale scambio di auguri natalizio tra i soci”.


Ma vediamo brevemente chi sono gli eletti dell’organo dirigente 
dell’importante Associazione larinese che, ricordiamolo, ha il compito 
di curare, gestire ed organizzare la processione dei carri di San Pardo 
nei fatidici giorni maggio: exploit di Francesco Izzi che precetta ben 
28 preferenze. Izzi, tesoriere uscente nella sua lunga esperienza a 
servizio dell’associazione sembra salito molto di gradimento fra i 
carrieri piazzandosi di fatto secondo per numero di voti favorevoli.
Giuseppe Fabozzi, ottimo risultato per il più giovane del gruppo, alla 
sua seconda esperienza totalizza 27 voti sugli 82 disponibili. Con 26 
preferenze, eletto  Luigi Berchicci, noto professionista larinese, 
segretario uscente, che affronta per la terza volta l’esperienza di 
membro del Consiglio Direttivo della prestigiosa Associazione.
Eletti anche Primiano Marchitto con 18 voti a proprio favore, anch’egli 
consigliere uscente e
Stefano Vitulli, primo eletto in ordine di preferenze con oltre il 50% 
dei consensi: 43 preferenze su 82 votanti. Vitulli, già tre volte 
vicepresidente dell’associazione, già assessore al Comune di Larino e 
Presidente del Comitato per la Rassegna delle Carresi, molto apprezzato 
fra gli addetti ai lavori non solo in Città ma anche fuori dai confini 
comunali e regionali riceve evidentemente dai carrieri il giusto premio 
per la qualità dell’attività svolta e per l’impegno profuso. Queste le 
sue dichiarazioni all’indomani del voto: “l’ottimo risultato mi onora e 
ci fa onore (riferimento agli eletti ndr). Ci dà stimoli per consolidare 
e dare seguito al lavoro svolto finora con voglia ed entusiasmo, che non 
possono però prescindere dalla voglia e dall’entusiasmo di tutti, 
carrieri in primis, ai quali chiedo unione, sostegno, disponibilità e 
soprattutto di prendere veramente coscienza di quanto sia meraviglioso 
ed unico al mondo quello che facciamo. Bisogna essere consapevoli del 
valore inestimabile della nostra festa, non darla mai per scontata o per 
“dovuta” ma al contrario vivere appieno il “miracolo” del suo annuale 
compimento. Abbiamo tutti il dovere di tutelarla e se necessario 
adattarla al contesto sociale, legislativo e normativo del presente per 
conservarla e proiettarla nel futuro e consegnarla ai posteri come il 
“miracolo” che si ripete di anno in anno finché Dio vorrà, e non finché 
gli uomini vorranno!”.
Restano a bocca asciutta, si fa per dire, gli sfidanti candidati  
Mammarella (2), Lozzi (11) e Starinieri (5) che accumulano solo una 
manciata di voti a testa. Confermato dunque in toto il gruppo dirigente 
uscente che dopo il buon lavoro svolto nell’ultimo triennio è stato 
rieletto con voto plebiscitario.
Auguri di buon lavoro al “nuovo”, per modo di dire, Direttivo giungono 
anche dal Presidente dell’Associazione Don Antonio Giannone, neo parroco 
della Basilica Cattedrale di Larino, al quale ora più che mai sarebbe 
servito un Consiglio Direttivo esperto e ben rodato, considerata la sua 
poca conoscenza dell’associazione e delle dinamiche della festa, data la 
recentissima nomina a parroco della Cattedrale e quindi a Presidente 
dell’Associazione.