);

Trivento, tenta furto di auto in pieno giorno fermato dai Carabinieri

I Carabinieri della piccola Stazione montana, nella mattinata di sabato, hanno fermato e denunciato all’Autorità Giudiziaria di Campobasso un 56enne del luogo, che si era appena impossessato furtivamente di un’autovettura.

Erano da poco passate le 10 di sabato, quando un residente di Trivento, si ritrova ad un bar sul corso principale e per sorbire un caffè lascia la propria auto, una piccola utilitaria, in sosta e regolarmene parcheggiata lungo la strada.

Consumata la bevanda, dopo pochissimi minuti, esce dall’esercizio e nota che il veicolo è in marcia, immediate le urla e il tentativo di fermare il fuggitivo che invece prosegue la marcia.

Nello stesso frangente, una pattuglia della Stazione Carabinieri triventina, transita lungo la strada e ai militari non passano inosservate le sbracciate dell’uomo. L’utilitaria viene immediatamente fermata e l’uomo alla guida, ben noto ai Carabinieri, viene accompagnato in caserma.

Il veicolo viene immediatamente riconsegnato al proprietario, invitato per il futuro a non lasciarlo con le chiavi inserite, ancorché la sosta fosse stata breve e in un paese tranquillo, ove tutti si conoscono.

L’uomo fermato, invece, dovrà rispondere del tentato furto dell’autovettura, lasciata esposta alla pubblica fede, anche se non avesse utilizzato alcuna violenza su di essa e la successiva perquisizione aveva dato esiti negativi.

Il controllo del territorio è attività preminente e fondamentale, sulla quale da tempo insiste la linea dell’intero Comando Provinciale dei Carabinieri di Campobasso, unica idonea a contrastare le illegalità diffuse e porre argine anche ad episodi di microcriminalità come quello che avrebbe potuto registrarsi oggi.
Nel corso del fine settimana pre – natalizio, il Comando Compagnia di Via Croce, assicura una intensificazione dei controlli, in concomitanza con la corsa agli acquisti e il maggior numero di persone in circolazione, sottolineando, ancora una volta, l’importanza delle segnalazioni dei cittadini.

Trivento, I Carabinieri eseguono misura cautelare dell’allontanamento familiare nei confronti di un 48enne del luogo.

Continua l’attività di contrasto al fenomeno della “violenza di genere” da parte dei Carabinieri della Compagnia di Bojano. 

I militari della Stazione Carabinieri di Trivento, la sera del  5 settembre hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Campobasso,  su richiesta della Procura della Repubblica di Campobasso alla quale i militari avevano deferito per maltrattamenti in famiglia un operaio del luogo.

La misura cautelare trae origine dalla rapida  attività investigative scaturita a seguito dell’ intervento dei militari presso l’abitazione della donna,  nel corso della notte del 30 agosto scorso, la quale con grande coraggio aveva richiesto aiuto, ponendo fine ai maltrattamenti che erano culminati con aggressione fisica e ricorso alle cure sanitarie per la donna. 

Resta alto il livello di guardia da parte dei Carabinieri che invitano le vittime di violenza di genere, a denunciare i maltrattamenti alle Autorità competenti.